Pizzoccheri in un raviolo

#thevioletkitchen Bianco

I Pizzoccheri mi piacciono moltissimo.

Mi hanno sempre raccontato che non esiste una sola ricetta di Pizzoccheri, ma che ogni zona della Valtellina e vicinanze, li prepara a modo suo.
Io li mangio esclusivamente in un ristorante in Engadina e sono di una bontà incredibile. Oltre al formaggio, burro e aglio sono conditi con verza, patate e spinaci. Il cameriere porta in tavola la pirofila fumante che poi appoggia su un tavolino porzionando i piatti. Di solito quando dici: “ne mangerei ancora..”, arriva un piattino di Pizzoccheri, rimasti nella pirofila al caldo, pensato proprio per i più golosi che ne vorrebbero ancora un pochino.

Clicca per scopre tutte le mie ricette di pasta fresca.

 

Vuoi assaggiare questo piatto? Qui sotto trovi la ricetta con i passaggi.

QUESTA è la COLONNA SONORA del PIATTO:

Ingredienti

Dosi per: 30 ravioli

 

RIPIENO

  • Aglio 1 spicchio
  • Burro 20 gr
  • Patata 150 gr
  • Verza 150 gr
  • Spinaci freschi 100 gr
  • Sale e pepe

SFOGLIA

  • Farina di grano tenero 0 100 gr
  • Farina di grano saraceno 100 gr
  • Uova intere 2
  • Acqua 1 cucchiaio
  • Sale
  • Semola di grano duro rimacinata per la spianatoia

CONDIMENTO

  • Burro 20 gr
  • Salvia fresca
  • Casera, Fontina oppure Groviera grattugiata (dipende da cosa trovate) 50 gr

Procedimento

Preparazione: 3 ore
  1. Per preparare i Pizzoccheri in un raviolo, come prima cosa preparare il ripieno: tagliare a fette sottili la verza e sciacquarla più volte. Scolarla bene e tenerla da parte.
  2. Sciacquare e pelare la patata. Tagliarla poi a cubetti e tenerla da parte.
  3. In una pentola antiaderente sciogliere il burro insieme all’aglio sbucciato e soffriggere a fuoco basso. Appena l’aglio s’imbrunisce toglierlo e aggiungere la verza, gli spinaci e la patata. Saltare a fuoco vivo per qualche minuto e aggiustare di sale e pepe. Coprire con un mestolo d’acqua, abbassare il fuoco e cuocere per 30 minuti rimescolando ogni tanto.
  4. Trascorso il tempo spegnere il fuoco, traferire il tutto in una ciotola e schiacciare con una forchetta rendendo il composto omogeneo. Lasciare raffreddare.
  5. Intanto preparare la sfoglia: su una spianatoia o nella ciotola della planetaria, mescolare le due farine insieme alle uova intere, un pizzico di sale e cominciare a impastare. Consiglio di aggiungere 1 cucchiaio d’acqua perché questo tipo d’impasto è piuttosto difficile da gestire: si secca velocemente.
  6. Compattare bene l’impasto, avvolgerlo in un cellophane e lasciare riposare per 30 minuti.
  7. Trascorso il tempo dividere l’impasto in 6 pezzi e stenderli sottilmente formando delle strisce lunghe e strette.
  8. Aiutandosi con un cucchiaino prelevare un po’ di ripieno e posizionare dei piccoli, ma non troppo, mucchietti sulla sfoglia.
  9. Inumidire con la punta del dito, o con un pennello, la sfoglia intorno al mucchietto di ripieno, appoggiare sopra l’altra sfoglia e premere bene con le dita facendo incollare bene le due sfoglie tra loro. A questo punto, con una forma o con la rotella per la sfoglia, ritagliare i ravioli della forma preferita.
  10. Lessare i ravioli in acqua bollente e salata per 3 minuti.
  11. Intanto sciogliere il burro insieme alla salvia in una padella antiaderente. Scolare i ravioli con una schiumarola e trasferirli nella padella con il burro e la salvia. Saltare per un paio di minuti. Nel caso fosse necessario aggiungere un mestolino di acqua di cottura.
  12. Spegnere il fuoco e mantecare con il formaggio grattugiato.
  13. Enjoy!

Hai preparato questo piatto? Taggami su Instagram @violetta_inwonderland e aggiungi l’hashtag #thevioletkitchen

Violetta

Mi chiamo Violetta e sono una grafica pubblicitaria. Mi piace cucinare e collezionare libri di cucina dai quali prendo ispirazione e sperimento nuove combinazioni.

Leggi tutto

Shop libri di cucina